Capelli bianchi: rimedi non aggressivi

Col passare degli anni tutte le persone ingrigiscono, c’è chi lo fa prima degli altri e non solo perché così è scritto nei suoi geni: stress, fumo, inquinamento, ormoni che cambiano sono solo alcune delle cause. Di seguito vedremo come camuffare i capelli bianchi (anche i primi) senza utilizzare tinte aggressive.

Colorazione diretta o semi permanente

Per chi si avvicina al colore per la prima volta, per chi ha voglia di cambiare e colorare, ma non essere schiava della tinta. Il pigmento di questa colorazione non penetra – dura circa due settimane, quindi 10 shampoo più o meno e non provoca l’effetto ricrescita. Questa soluzione è perfetta per chi vuole vedere una leggera trasformazione, ma non duratura, per una cerimonia, un party o un evento, per esempio. Lucida, protegge e riempie il capello bianco, restando sulla fibra del capello, che quasi sempre è spesso e crespo. Plus, non contiene ammoniaca e non schiarisce i capelli. Per chi, invece, ha i capelli bianchi solamente nei ciuffi frontali, si può agire utilizzante una colorazione in cartine. Si inizia con un semplice riflessante che copre i capelli bianchi al 30-40%. Questa modalità è molto naturale, quasi trasparente. Adatta per chi vede spuntare i primi ciuffi bianchi e non vuole tingere i capelli con la classica tinta.

Colpi di buio o di luna

Per chi non vuole sentirsi invecchiata, ma non vuole tingersi! Ebbene sì, il brizzolato si può camuffare con i colpi di luna o di buio. Sono colpi di colore scuri per coprire le macchie grigio bianche e non utilizzare tinte. Durano nel tempo, circa 5 mesi – e possono essere fatti anche solo due volte all’anno. Sono un’ottima soluzione per chi non desidera, ogni mese, doversi sottoporre alla tintura per coprire i capelli bianchi. Infatti, il colore viene applicato soltanto su alcune chiome e non provoca il tanto odiato effetto ricrescita.

Il trucco come alleato

Se hai i capelli bianchi puoi cercare di nasconderli, oppure imparare a conviverci anche perché negli ultimi tempi essere una Grey panther come dicono negli USA, è assolutamente trendy. Non è facile, però, esibire una chioma candida senza apparire sciupate e trascurate: oltre ad avere un taglio sempre ben tenuto, è necessario curare al massimo la pelle in modo che sia sempre fresca e compatta, senza segni di aridità o piccole rughe, e rubare i segreti dei make up artist per usare i colori giusti. Il trucco è un fedele alleato per chi decide di lasciare i propri capelli sale e pepe. Evitare smokey eyes. Contrastano solamente il colore della chioma. Il consiglio è quello di essere più naturali possibili: via a fondotinta setoso e coprente da ravvivare con fard o blush. L’estate, invece, ravviverà ancora di più i riflessi del bianco/grigio.

Mai senza: rossetti vivaci e mascara!

Anti – giallo: come funziona

Problematica diffusa specialmente tra i fumatori. L’ambiente è ricco di radicali liberi, specialmente in estate i capelli tendono ad ossidarsi e quindi ad ingiallirsi. Importante prevenire questo fattore con uno shampoo anti – giallo. È uno shampoo di colore viola che non colora il capello, ma previene e contrasta questo fastidioso problema.

Colpi di luce

Per donne più adulte con capelli bianchi che hanno voglia di lucentezza. I colpi di sole schiariscono soltanto alcune ciocche lasciando le altre scure. Luminosità immediata e non aggressiva. Si evita l’effetto giallo, senza stravolgere completamente il look.

Idratazione per eliminare l’effetto crespo

Il capello bianco è molto duro e resistente e ha la tendenza a diventare crespo. Non lavare i capelli tutti i giorni è fondamentale per prevenire ed evitare tutto ciò. Utilizzare uno shampoo e un balsamo di qualità aiuta e dona risultati soddisfacenti. (Qui la linea idratante firmata ContestaRockHair).

No alle mezze misure! Corti o lunghi e pari

Tra le tendenze degli ultimi anni sono i capelli lunghi e pari per donne over 40. Non scalati, non ricci, ma lisci e pari. Per chi preferisci un taglio corto: il Pixie Cut è un taglio di capelli moderno che segna le ultime tendenze dell’hairstyle. Fa parte dei tagli corti, ma si addice a chi ama look sbarazzini, pratici e funzionali, senza rinunciare all’eleganza. Il pixie look anni ’60 alla Mia Farrow – moglie di Frank Sinatra – sta molto bene alle donne che non vogliono tingersi, ma avere un look trendy e super naturale.

Nome: Elena Di Cesare
From: Australia
Hairstylist da: 32 anni
In ContestaRockHair da: 12 anni: ha lavorato a Miami – Nyc – Roma
Oggi: vive a Roma, lavora ed è socia del salone  ContestaRockHair Testaccio Prodotto preferito: shine e tutta la linea volumizing