CORTI CONTRO


CORTI_CONTRO

Nel salone ContestaRockHair di via del Pigneto 75, durante l’aperitivo settimanale, questo mercoledì uno spazio riservato al cinema. L’aperitivo CRH nasce con l’intento di portare l’arte nella vita quotidiana, intendendo l’arte come creatività in senso lato, a prescindere dalla forma con cui viene espressa. Nei nostri saloni si alternano perciò musicisti, attori e performer di ogni genere e adesso, per la prima volta all’interno del format aperitivo, abbiamo la possibilità di ospitare anche l’opera di un regista. Durante l’aperitivo di mercoledì, luci soffuse in salone e proiezione di tre dei cortometraggi di Laura Bispuri, regista romana emergente che già in passato ha collaborato con ContestaRockHair, occupandosi della realizzazione di un video per Current Tv. Intanto il lavoro andrà avanti come al solito, fedele al concept dell’aperitivo CRH per cui l’arte non interrompe la vita quotidiana ma la integra e la riempie.

Laura, con un nonno che ha fatto l’attrezzista nei più importanti film italiani e un padre studioso e critico cinematografico, dice che le piacerebbe unire le mani dell’uno e la testa dell’altro nel mestiere della regia. Laureata in cinema con il massimo dei voti, si forma all’interno del Laboratorio Fandango, dove ha la possibilità di studiare con registi come Garrone, Muccino e Ken Loach. In seguito gira vari cortometraggi e un documentario vincendo nel 2010 il David di Donatello come miglior cortometraggio con Passing Time. Il corto viene premiato in moltissimi festival in Italia e all’estero e viene selezionato tra i sette corti più belli del mondo dell’anno 2011, presentato a Parigi nell’ambito dei César. Nel 2011 vince il Nastro d’argento come talento emergente dell’anno.

Sullo schermo di ContestaRockHair vedremo susseguirsi, oltre al già citato Passing Time (2010), Salve Regina, anche questo un lavoro del 2010, presentato alla Festa del Cinema di Roma nella sessione Extra, e Biondina, del 2011 presentato all’interno del progetto PerFiducia di BancaIntesa, precedentemente inaugurato da registi come Sorrentino, Salvatores e Olmi, e questa volta con la supervisione di Salvatores. Attualmente Laura sta lavorando al suo primo lungometraggio, tratto dal romanzo di Elvira Dones, Vergine Giurata, edito in Italia da Feltrinelli. Il progetto è appena stato selezionato a L’Atelier Cinefondacion del Festival di Cannes 2013, solo 15 progetti in tutto il mondo tra più di 1000 inviati. Vergine Giurata è l’unico italiano.

Facebook icon Instagram icon Twitter icon Snapchat icon Pinterest icon Google Plus icon YouTube icon